…I'll also show you a sweet dream next night…

Cosplay Animal – Ognuno ha le sue fisse!

A due anni dalla creazione del titolo di questo articolo, mi sono decisa a riprendere in mano Cosplay Animal e, come mi ero ripromessa, a farne la recensione… e sarà una lunga recensione!

Introduzione [parte a basso contenuto di spoiler]

CosplayAnimal1

Cosplay Animal è un fumetto shojo di Watari Sako, composto da 14 volumi, pubblicati nella collana Amici della Star Comics a partire dal 2009, al costo di 3,90€ l’uno.

Trama a grandi linee

Rika Minami è una giovane universitaria che ha la passione per le divise e per il cosplay. Il suo più grande desiderio sarebbe riuscire a fare l’amore con addosso la sua amata divisa delle superiori, ma l’ultimo ragazzo con cui è uscita l’ha derisa per questa sua fissazione e quindi se ne vergogna. Presa dallo sconforto e convinta di non riuscire a trovare qualcuno in grado di apprezzare la sua piccola mania, Rika si iscrive ad una chat di incontri, fingendosi più giovane. Conosce così Hajime Yuo, un liceale due anni più giovane di lei, con cui inizia a messaggiare frequentemente. Quando giunge il momento dell’incontro, entrambi dovranno fare i conti con le loro piccole bugie, ma riusciranno a mettere da parte la piccola finzione iniziale per incamminarsi in una storia, prima molto passionale, poi sempre più impegnata.

Cosplay.Animal.581611

I personaggi

I personaggi principali sono principalmente tre: Rika Minami, la nostra protagonista, Hajime Yuo, il suo ragazzo e Arata Ito, il migliore amico di Hajime (e altro spasimante di Rika).

A questi tre grandi pilastri della storia vanno poi ad aggiungersi una miriade di altri soggetti, unici e ben caratterizzati: da il Capo (il datore di lavoro di Hajime e Arata), agli altri ragazzi che lavorano nel Caffè Felice; dai compagni di università e amici di Rika ai liceali compagni di Hajime; dalle famiglie dei due protagonisti, di Arata e del Capo, alla marea di comparse che si susseguono per tutti e quattordici i volumi. Tutti hanno un pensiero, uno scopo e dei desideri e a ognuno viene lasciato un spazio, piccolo o grande a seconda dell’importanza del personaggio nella trama principale, per raccontare di sè o esprimere i propri sentimenti.

[Attenzione, da questo punto potrebbero esserci spoiler. Chi fosse desideroso di sapere le considerazioni generali sul manga senza che si svelino i dettagli, può andare direttamente alla parte “Riassumendo” in fondo al post!]

Focus sui main characters

Rika MinamiRika

La nostra protagonista, Rika, è una diciannovenne che ha appena iniziato l’università. E’ una maniaca del cosplay in tutti i sensi: ama travestirsi, in particolar modo indossando la marinaretta che l’ha accompagnata per tutte le superiori, e impazzisce per i ragazzi con qualsiasi tipo di divisa, da quella scolastica a quella da cameriere. E’ una brava ragazza, spontanea, gentile, simpatica, molto aperta e abbastanza conscia di sè da ammettere di avere delle fantasie sessuali particolari.

“Anche le donne hanno i loro sogni erotici proibiti… il mio è fare sesso con indosso la divisa. Sono proprio un caso grave?”

Rika

Rika Ninja

Essendo una ragazza spontanea, non si fa problemi a tirar fuori il suo lato ninja!

A giocare a suo favore ci sono poi un bell’aspetto e una forte determinazione nel perseguire il cammino scolastico e lavorativo che la ragazza si è prefissata. Il tutto, certo, senza sfociare nella perfezione: nonostante i molti pregi, Rika è anche una ragazza riflessiva e molto emotiva, a volte insicura e spesso ingenua. Una ragazza normale, che per le sue speciali caratteristiche riesce a far breccia nel cuore delle persone che la circondano, dagli amici a qualche protagonista maschile della storia.

Il carattere di Rika

Uno dei maggiori pregi/difetti di Rika

Il suo incontro con Hajime è per certi versi inaspettato: all’inizio i due cominciano a chattare per passare il tempo e lei gli dà addirittura consigli sulla sua ragazza. Dal loro primo appuntamento, tuttavia, la situazione muta e il ragazzo, anche di fronte alla vera Rika, la dicianovenne fissata con le divise, non si tira indietro. Questo porterà la ragazza ad aprirsi, poco per volta, totalmente a Hajime. E’ così che ha inizio la loro storia d’amore, basata su una forte attrazione ma anche sulla completa accettazione l’uno dell’altra.

“E’ stata la prima e unica persona che ha accettato la parte di me di cui mi vergognavo”

Rika

Le crisi di Rika

Un piccolo momento di crisi

Hajime YuoHajime

Hajime è un liceale di diciassette anni. Fin dal principio appare come un ragazzo molto particolare: carino e spigliato, a volte un po’ introverso, molto passionale ma anche decisamente sensibile, Hajime è fin da subito in grado di apprezzare la vera Rika, nonostante le menzogne iniziali, e per questo decide di farla sua.

“Dato che ti sta proprio bene, ti perdono!”

Hajime,
che vedendo Rika con la marinaretta decide di poter chiudere un occhio sulle sue bugie
(dato che a sua volta ne aveva dette)

Passion

Nonostante il loro rapporto esploda quasi immediatamente in un vortice di passione (tanto i ragazzi sono grandi e vaccinati), in Hajime c’è il desiderio di stare veramente con Rika, di costruire qualcosa con lei, e in più di un’occasione il ragazzo dimostrerà la sua determinazione nel volerla con sè, così come è (dando anche esplicitamente voce alla propria gelosia).

“Non voglio che tu ti metta vestiti che non conosco! Non voglio che tu abbia l’odore di un altro uomo!”

“Tu riesci ad essere te stessa solo con me.”

Hajime,
dopo aver separato Rika dal suo primo “altro pretendente”

Dato quanto detto finora, Hajime potrebbe sembrare il grande principe azzurro che ogni donna vorrebbe al suo fianco, ma anche se per Rika questa classificazione può sempre ritenersi valida, il giovane la metterà a volte in crisi, soprattutto durante la loro lontananza.

Hajime e dubbi
La malattia del padre di Hajime, infatti, lo porterà spesso in America per lunghi periodi e il ragazzo, stressato per la sua situazione personale, impegnato nelle cure del padre e risentendo egli stesso della lontananza dall’amata, terrà in più di un occasione un comportamento un po’ schivo o scostante (arriva addirittura a non farsi sentire per giorni e non fare alla ragazza gli auguri di compleanno), mandando in crisi anche il forte sentimento che Rika prova nei suoi confronti.

Hajime in uno dei suoi momenti di demenza

Hajime, in uno dei suoi momenti di demenza

La relazione con Rika e le molte difficoltà affrontate porteranno Hajime ad aprirsi un po’ di più, ad essere meno cupo e lo faranno crescere fino a diventare (solo alla fine) un uomo consapevole di quello che vuole dalla vita. O, meglio, di chi vuole nella sua vita.

Arata ItoCOsplayAnimal7

Diciassettenne e compagno di scuola di Hajime, Arata è il migliore amico del protagonista maschile della storia. Per questo, quando il suo amico gli confida della sua relazione con una ragazza più grande e maniaca del cosplay, Arata la classifica su due piedi come una pervertita e la prende in antipatia. Ma il tirocinio di Rika alla scuola dei due liceali porterà la ragazza e il freddo e calcolatore Arata spesso a contatto, cosicchè, poco per volta, la bella insegnante riuscirà a farsi accettare anche dal diffidente studente… che perderà assolutamente la testa per lei.

“Non mi piace perdere”

Arata

Nonostante sia la ragazza del suo migliore amico, Arata non si fa problemi ad ammettere i propri desideri. Ma dietro all’apparente immagine di ragazzo dispettoso ed egoista c’è molto di più: Arata amerà veramente Rika e le sarà vicino, come un angelo custode, per tutta la storia, soprattutto durante la lunga lontananza tra i due amanti. Arata è il sostegno di lei, la tira fuori dai guai e fa di tutto per far valere la sua presenza, facendo nascere, per un po’, dei dubbi nella ragazza.

Hajime si riprende un bacio rubato a Rika

Hajime si “riprende” un bacio rubato a Rika da Arata…

La reazione dei due dopo il bacio

… e la reazione dei due ragazzi all’accaduto!

Ma Rika, dopo un momento di debolezza, capisce chi ama davvero e Arata si ritrova a fare i conti con un rifiuto. Non per questo smetterà mai di proteggerla e di essere onesto con lei, accettando che il suo amore non sia corrisposto e di dover vivere con questo costante doloreanche se è difficile stare a guardare quando il tuo migliore amico si comporta come uno scemo, facendo soffrire la donna che ami.

“Non credo che Hajime non voglia bene a Rika… ma continuo a chiedermi: perchè non ha saputo comportarsi meglio nei suoi confronti? Non riesce a trattarla con un po’ più di riguardo?”

“Se io… fossi stato al posto di Hajime…”

il tormento di Arata,
nel periodo in cui Rika è ricoverata per delle gravi ustioni all’ospedale

Ma anche Rika sarà sempre presente per il povero Arata, cercando di essergli vicino nei suoi momenti di smarrimento e di forte stress per le aspettative della sua famiglia. Tra i due, insomma, rimarrà almeno un forte sentimento di amicizia, di rispetto e di affetto.

Arata protettore

Il lato protettivo di Arata

Il CapoIl Capo

Età e nome non specificati, Il Capo è un uomo bello e affascinante, bisex dichiarato, in grado di ammaliare e far cadere ai propri piedi qualsiasi donna o uomo desideri. Gestisce il Caffè Felice (caffè dal menù italiano), locale in cui lavora Hajime e in cui poi verrano reclutati come camerieri anche Arata e Koga… oltre agli altri ragazzi, sempre molto attraenti, che fanno parte dello staff.
Inizialmente il Capo si diverte a prendersi un po’ gioco di Rika, facendo ingelosire Hajime, ma poi si dimostrerà un grande sostenitore della storia d’amore tra i due e avrà sempre un occhio di riguardo per la tenera Rika, sia per quanto riguarda il suo stato emotivo, sia per la sua passione per il cosplay, che non mancherà di soddisfare con feste a tema di ogni tipo.

Rika vs Capo

Sta volta al Capo è andata male…

I ragazzi del Caffè Felice

Come ho già detto, oltre ad Hajime, Arata e Koga, nel Caffè Felice ritroviamo altri ragazzi, molto attraenti, ognuno con uno stile e un carattere tutto suo. Odagiri, Endo, Mizuno e Awamiya non saranno solo presenti in molte delle situazioni e degli sketch dei vari volumi, ma saranno protagonisti anche di alcuni speciali, come “Felice Boys” (vol. 8)  o “Boys Talk” (capitolo finale del fumetto, vol. 14) in cui verranno approfondite le loro storie d’amore personali.

Pareri maschili

Un altro capitolo speciale dedicato ai ragazzi del Caffè Felice e ai loro gusti in fatto di donne

Soki Koga

Ragazzo dalle mille ammiratrici e spasimanti, Koga è iscritto alla stessa università di Rika-chan. E’ così che i due si conoscono e, dopo qualche tempo, il disinvolto ragazzo, normalmente impegnato con una ragazza diversa ogni sera, si interesserà, al solito, alla nostra affascinante protagonistafondamentalmente perchè è una delle poche che non può avere. Anche se il suo coinvolgimento è inizialmente poco serio, con il tempo, come tutti gli altri, Koga finirà per affezionarsi davvero a Rika e competerà con Hajime per far valere il suo desiderio di frequentare la ragazza.

I sentimenti di Koga

I sentimenti di Koga

Purtroppo, dove non è riuscito il fantastico Arata, non potrà di certo arrivare un farfallone scostante e incomprensibile come Koga, ma il suo ardore e il suo modo di fare serviranno almeno per riportare Hajime, di tanto in tanto, sulla retta via.

“Hajime è davvero un ragazzo caldo e spontaneo”
(Cioè è immaturo e sconsiderato)

Koga a Rika
(e, tra parentesi, cosa pensa davvero…)

“Sono anche affari miei, visto che ho rinunciato a lei per la sua felicità!”

Koga ad Hajime,
durante una discussione sulle intenzioni del ragazzo nei confronti di Rika

Numero 1 e Numero 14

Il primo e l’ultimo volume di questa serie sono diversi dagli altri: nel primo, oltre all’introduzione alla trama del fumetto Cosplay Animal, ritroviamo altre tre storie, più brevi, sempre a sfondo sessuale o sentimentale. L’ultimo è invece costutuito di due parti: uno spin-off sulla vita di Arata, intitolato “Input Mehod“, che si svolge in parallelo con il volume 13 del manga e che ci mostra l’evoluzione  nella storia di questo bel personaggio, e uno speciale intitolato “Boys Talk“, incentrato inizialmente su Koga ma che è poi anche la conclusione vera e propria del fumetto.

Le altre storie del volume 1:

Interrotti sul più bello

“Per quanto il tuo corpo possa essere nudo, se non metti a nudo anche quello che hai dentro non potrai mai riuscire a fare serenamente l’amore”

Yuuko Maemiya è una studentessa che intrattiene un rapporto illecito con un suo giovane insegnante, Hasuda. I due sono innamorati, ma le questioni familiari irrisolte della ragazza sono per lei un peso tale da non consentirle di aprirsi al ragazzo che ama completamente.

Commento: nonostante sia una storia breve è interessante, soprattutto per il messaggio che lascia trapelare (vedi citazione sopra).

Le regole del corpo

“Non capisco. Ormoni… feromoni… procreazione… sperma… ovuli… orgasmi… più conosco queste cose più diventa un mistero cosa sia l’amore.”

Uika Tonoda è una ragazza che, dopo una brutta figura da ignorante in tema di sesso, studia a più non posso l’argomento, diventandone una specialista. Per questo finisce per essere coinvolta nelle vicende di una sua compagna di scuola, che teme di essere rimasta incinta. Fa così la conoscenza di Kuniyoshi Hazama, altro esperto di questioni sessuali, anche lui intento ad aiutare la coppia di ipotetici neo-genitori. I due, dopo qualche disavventura, si rendono conto che, nonostante la loro grande conoscenza anatomica e fisiologica del corpo umano, sono invece totalmente all’oscuro di cosa significhi amare.

Commento: la storia è simpatica e particolare. L’ho trovata molto piacevole e, anche in questo caso, è carino il messaggio che viene trasmesso.

Le regole del corpo

I consigli di una dottoressa…

Dita d’angelo, labbra di diavolo

“Sono davvero poco risoluto… ho un debole per i bambini e per le donne che sanno cucinare bene! Se poi si tratta di una donna che si ammala come una bambina… non posso proprio resisterle!”

Misao è una ragazzina solare ma un po’ pasticciona, che si innamora del suo fratellastro appena acquisito, Yoshiaki Matsuei, un dottore. Per conquistare la sua attenzione (praticamente nulla), Misao decide di prendersi cura di lui nell’unico modo che può: preparandogli il pranzo ogni giorno. Nonostante la ragazza sia molto determinata nella sua missione, non sarà facile fare breccia nel cuore dell’impegnato medico.

Commenti: onestamente questa storia è un po’ deludente: al contrario delle altre protagoniste di questi volumi, Misao è molto “insipida” e riesce a far colpo sul fratello solo perchè è cocciuta come una bambina e perchè sa cucinare. L’ho trovata una storia poco verosimile, non mi è piaciuta molto.

Il volume 14:

Input MethodCosplayAnimal14

Ad Arata viene consegnato un pacco speciale da parte del Capo, contenente una giovane ragazza, perennemente mascherata da leone e che si rifiuta di comunicare con chiunque. Il ragazzo, oltre a doversi preparare per gli esami di ammissione all’università, dovrà prendersi cura di questa strana e incomprensibile creatura che gli è stata recapitata, mentre continua a preoccuparsi della salute della sua amata Rika.

Boys Talk

Il Capo organizza un’uscita alle terme per tutto lo staff del Caffè Felice. Dato che nelle terme in questione c’è un percorso di depurazione per gli innamorati, i ragazzi si ritroveranno a confrontarsi sul tema dell’amore e sulle loro situazioni sentimentali, finchè tutto non viene sconvolto dall’arrivo di Hajime e Rika.

“Vi invidio. Soffrite per amore. Io non ho nessuno per cui tormentarmi.”

Koga,
agli sventurati Felice Boys

Commenti e considerazioni generali

A livello tecnico spendo due parole solo per dire che, a mio parere, i disegni sono molto piacevoli, anche se i lineamenti di alcuni personaggi sono molto simili e si finisce per fare confusione, soprattutto tra i ragazzi biondi/castani (in alcune scene, ad esempio, se non c’è un primo piano, è difficile riconoscere Hajime da Koga)

La qualità dei volumetti non è delle migliori, tanto che la colla che fa aderire la copertina al blocco ha ceduto in vari volumi, ma dato il prezzo contenuto credo non ci si possa lamentare.

Parlando dell’opera in sè, la cosa bella di questo fumetto è che parte come una storia passionale tra una ragazza che non riesce a farsi accettare per le sue strane fissazioni e un ragazzo caloroso e impulsivo, ma man mano che la trama avanza tutto evolve, proprio come accade in una storia reale: si passa dallo stare insieme per divertirsi a provare qualcosa di più profondo, a combattere contro il mondo per stare insieme per poi trovarsi a litigare o ad affrontare problemi interni alla coppia. Da una semplice fantasia nasce una storia d’amore vero, che i protagonisti porteranno avanti nonostante i mille ostacoli e nonostante la lontananza.

L’altra cosa che mi è piaciuta molto è che i personaggi in questione, soprattutto Rika, Hajime e Arata, non sono insignificanti ma tantomeno perfetti. Ognuno ha un carattere suo, unico, a volte estremamente positivo, altre volte fonte di fraintendimenti, azioni egoiste e litigi. Ognuno pensa agli altri, ma senza dimenticare se stesso, agendo talvolta in maniera incomprensibile o incoerente, ma mai senza un motivo.

Scontri e riappacificamenti, amicizia, lealtà e amore, questo fumetto non si fa mancare nulla, senza mai acquisire toni troppo pesanti. O, meglio, lasciando che alle questioni più serie si arrivi gradualmente, in un crescendo narrativo che passa da storie più leggere e assurde (come le varie gare di cosplay in cui Rika viene coinvolta, anche senza motivo) a situazioni più forti emotivamente, come la malattia del padre di Hajime, la sua partenza per l’America, la solitudine di Rika e il suo l’incidente, i rapporti complessi nelle varie famiglie dei protagonisti. Se all’inizio non manca occasione per ridere e mostrare scene comiche, alla fine verrà lanciato al lettore anche qualche spunto di riflessione… o qualche motivo per commuoversi!

Rika e il tronco 1

Scena assurda – Parte 1

Rika e il tronco 2

Scena assurda – Parte 2 (l’ho detto che il Capo si è affezionato molto a Rika!)

Mi è piaciuto molto anche il fatto che l’autrice non abbia mai cercato di far passare l’amore come un rapporto tutto “rose e fiori”, ma ha sempre ricordato che amare può significare anche soffrire e, magari, convivere con la consapevolezza di non essere ricambiati nonostante i forti sentimenti che si provano (come succede ad Arata, ma non solo!).

L'onestà di Arata

I sentimenti e l’onestà di Arata

Ho anche apprezzato molto che si parli apertamente di sesso, a volte in maniera più seria, altre in maniera comica o enfatizzata, ma senza mai cadere nell’indecente o nel volgare. Perchè in fondo il sesso è una parte fondamentale in una relazione e lo si può prendere in considerazione senza farlo sembrare l’unico scopo nel legame tra i protagonisti.

“Le donne non si eccitano per chiunque senza fare distinzioni! Proprio perchè vogliono avvicinarsi all’uomo amato diventano audaci! Se è per dimostrare i proprio sentimenti possono diventare qualsiasi cosa!”

Rika,
in difesa di un’amica.

Hajime Fai da Te

Un scena un po’ comica… ma cose che potrebbero accadere davvero.

Un’altra nota molto positiva, a mio parere, è che questo storia ha un finale preciso e non solo per i due protagonisti, ma anche per Arata, uno dei personaggi che, personalmente, ho amato di più in tutta l’opera (anche se, in generale, tutti i soggetti sono piacevoli o comunque tollerabili).

Di fianco a tanti clichè shojo, che nel mondo fumettistico sembrano inevitabili, ci sono anche fattori che giocano a favore di questo titolo:

  • Se da un lato ritroviamo la solita ragazza in grado di far innamorare un mare di uomini, d’altro canto abbiamo una protagonista simpatica, gentile, altruista, sensibile, anche se a volte un po’ sprovveduta, molto carina e audace. Insomma, sicuramente non è un personaggio piatto e banale.

    Le abilità di Rika

    Ecco un altro motivo per cui Rika fa grandi conquiste!

  • Se sembra che tutti i ragazzi cadano ai suoi piedi, c’è anche da dire che per lo più sono sentimenti complessi e non banali fissazioni maschili: al contrario di altri manga, qui i ragazzi non si innamorano o disinnamorano “a starnuto”, ma si ritrovano a scontrarsi con sentimenti che non desideravano e accettare le conseguenze delle loro scelte.

“Se non sei disposto ad affrontare le conseguenze è meglio battere in ritirata! Le donne non rispondono a sentimenti poco seri.”

Senri Ito al fratello Arata

  • E, infine, se tutto sembra costruito sempre e comunque per fare emergere la fissazione di Rika per il cosplay… si… è proprio così e non ci sono scuse che tengono: ogni situazione degenererà con un travestimento, con un nuovo cambio d’abito obbligato o con una mega-festa a tema, sempre per non dimenticarci qual’è stato il punto di inizio di questa storia.

[SPOILER]
Anche se, alla fine, l’abito più bello, la nostra cara Rika lo indosserà solo nell’ultima pagina…

“In ogni versione della mia vita che immagino… mi vedo vecchia che ripeto sempre la stessa cosa… che sono contenta di poter stare insieme a te.”

Rika

“Io… tra cinquant’anni penso che continuerò a dirtelo… Rika-chan, ti amo.”

Hajime

[FINE SPOILER]

Riassumendo [senza spoiler!]

Cosplay Animal è un manga simpatico, con dei personaggi ben caratterizzati e una trama per lo più interessante, basata su amicizia, amore e sesso (ma senza mai essere volgare). Alterna momenti più comici e assurdi a capitoli più seri, per cui può far ridere e può far commuovere (specialmente chi ha il cuore tenero e ama le storie d’amore).

Pretendenti allo sbaraglio

Esempio di momento comico

L'insicurezza di Rika

Un momento un po’ meno divertente

Nonostante ci siano anche diversi capitoli piuttosto inconcludenti (per lo più nei primi volumi, che sono introduttivi), la storia, durante i 14 volumi, evolve molto, così come crescono i protagonisti e cambiamo le loro situazioni. Tutto sfocia in un bel finale, non aperto ma ben definito, in cui c’è spazio anche per Arata e per altri personaggi.

Quindi consiglio questo fumetto a chi non teme qualche clichè shojo, ma sa apprezzare una storia che non ha come protagonisti degli esseri perfetti, ma parla di una ragazza un po’ particolare, di un ragazzo un po’ complessato e della marea di personaggi che li circondano.

Che ve ne pare? Sono riuscita a suscitare un po’ del vostro interesse? Conoscete già quest’opera? Che ne pensate?

A presto,

Iya&Ceres

Ps: mi scuso per essere stata così prolissa e precisa in questa recensione, ma il sito mi segnala che sono arrivata al 200° post e, in un modo o nell’altro, volevo che l’articolo fosse all’altezza di questo numeroma è possibile che abbia scritto così tanti post? Di cosa avrò sproloquiato per tutto il tempo?!?

Annunci

4 Risposte

  1. In effetti questo è uno dei pochi shojo che ancora conservo (gli altri li do via o non li prendo affatto.. ) proprio perchè ha qualcosina in più da offrire rispetto agli shojo completamente stereotipati..

    7 settembre 2015 alle 10:49

    • Concordo, è uno dei quei titoli che ti rimangono in mente perchè particolare.
      Per ora sono stata fortunata con gli shojo e ho solo pezzi un po’ unici nella mia libreria. 😛

      7 settembre 2015 alle 12:27

  2. Mi piace l’idea che si parli anche di sesso in maniera realistica, però non mi ispira molto. Lo terrò comunque in considerazione.

    14 settembre 2015 alle 12:02

    • Sicuramente non tutti i pretendenti vengono accontentati, per cui la storia potrebbe non piacerti in particolar modo… 😛
      Però a suo favore posso dire che uno shojo meno banale di quello che sembra.
      Ti do’ solo un consiglio: se lo inizi non ti fermare al primo volume. Tutte le recensioni che ho letto di chi si è fermato al primo volume sono negative (c’è che dice che è una storia solo di sesso e banale), mentre quelle di coloro che l’hanno finito sono ottime.

      14 settembre 2015 alle 14:26

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...